È chiaro: frutta e verdura vanno consumate freschissime. Una corretta conservazione assicura inoltre un mantenimento prolungato delle sostanze nutritive e aromatiche. Ecco i consigli fondamentali per preservare più a lungo la freschezza!
È preferibile conservare le verdure nell'apposito scomparto del frigorifero, in cantina o nella dispensa. Proteggerle dall'umidità, oltre che dalla luce, è altrettanto importante. Poiché un ambiente umido contribuisce a rovinarle più in fretta, si raccomanda di lavare la verdura prima di qualsiasi preparazione o di mangiarla!

Le patate hanno bisogno di essere protette dalla luce, dal freddo, dal caldo e dall'umidità.

È preferibile conservarle in un luogo completamente buio. La troppa luce le fa diventare verdi a causa della solanina, una sostanza che diventa velenosa se presente in quantità elevate.

La temperatura ideale è tra i 5 e i 15 gradi. Al di sotto di tali temperature sviluppano un sapore dolciastro, al di sopra si rovinano rapidamente, germogliano e si raggrinziscono.

È importante proteggere le patate dall'umidità per impedire che marciscano o ammuffiscano rapidamente. Si raccomanda a chi non può garantire in casa le condizioni di conservazione ottimali di acquistarne una quantità minore da consumare rapidamente.

Non solo: le patate che presentano piccole germinazioni possono essere mangiate senza problemi dopo averle accuratamente sbucciate. Si consiglia invece, qualora siano ricoperte di germogli e la buccia si sia raggrinzita, di non consumarle per via della solanina velenosa che potrebbero aver sviluppato.

Le carote, il ravanello o il cavolo rapa hanno ancora le foglie? Eliminarle!

Le foglie sottraggono umidità alla verdura, quindi devono essere rimosse prima della conservazione della stessa. Ciò non significa però che bisogna buttarle: tagliate finemente possono essere utilizzate come erbe aromatiche per l'insalata o la zuppa.

Consiglio per le carote: non conservarle nella confezione di plastica per evitare che si formino acqua e muffa. Prima di riporle nell'apposito scomparto del frigorifero possono per esempio essere avvolte in uno strofinaccio pulito.

Mele, pere e altra frutta non devono essere conservate vicino alla verdura.

Il problema è la produzione di gas naturale: le mele e le pere, ma anche le albicocche, le banane, le pesche noci e le pesche, producono etilene in fase di maturazione. Questo gas finisce per investire anche la frutta e la verdura vicine e rischia di farle diventare troppo mature e marcire. Per questo motivo è preferibile conservare tali frutti separatamente.

Pomodori e melanzane sono sensibili al freddo e perdono il loro gusto.

Nel frigorifero queste verdure perdono rapidamente il loro sapore e la loro freschezza. La temperatura ideale è tra i 12 e i 16 gradi.

È preferibile conservare i pomodori su un supporto morbido, per esempio su un panno da cucina o in un cesto. Si evitano così ammaccature. I pomodori maturano alla luce del sole. Se si desidera evitarlo basta proteggerli coprendoli ad esempio con un panno.