Modifica dell’ordinazione Concludi la modifica

Aggiunto al carrello

 

Tutela dei diritti umani

In qualità di gruppo aziendale operante a livello internazionale con catene di fornitura in tutto il mondo, noi di ALDI siamo consapevoli della nostra responsabilità in relazione alla tutela dei diritti umani lungo le nostre catene di fornitura. Ci impegniamo a rispettare tutti i diritti umani riconosciuti a livello internazionale e a migliorare le condizioni di vita e di lavoro lungo le nostre catene di fornitura. Il nostro impegno riguarda tutti gli impatti negativi sui diritti umani che causiamo, a cui contribuiamo o a cui siamo direttamente associati.

 

 

Riconosciamo che le violazioni dei diritti umani sono un problema globale che riguarda ogni economia, industria e settore. Il nostro approccio si basa sulla comprensione di queste relazioni complesse. Valutiamo continuamente i nostri impatti effettivi e potenziali sui diritti umani per prevenire o mitigare gli impatti negativi delle nostre operazioni o per porvi rimedio, se necessario. Sulla base delle nostre valutazioni, sviluppiamo strategie e miglioriamo continuamente i nostri processi e le nostre pratiche. Verifichiamo regolarmente la conformità con i Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani e l’efficacia del nostro approccio ai diritti umani.

Riteniamo che l’introduzione di obblighi di diligenza aziendale fissati per legge sia un importante prerequisito per l’attuazione dei diritti umani lungo le complesse catene di approvvigionamento internazionali. Riteniamo quindi che una legislazione europea uniforme sia essenziale per garantire il rispetto dei diritti umani lungo le catene di fornitura globali. Come parte del Gruppo ALDI SÜD e insieme ad ALDI Nord, chiediamo un dialogo aperto su regolamenti vincolanti per gli obblighi di diligenza delle aziende in materia di diritti umani. Vediamo un grande potenziale in una legislazione appropriata ed efficace per incoraggiare altre aziende a contribuire al cambiamento e ad adottare approcci cooperativi. A tal fine abbiamo pubblicato un Documento di posizione.

Abbiamo sviluppato i nostri processi di obblighi di diligenza in conformità ai Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani e alle Linee guida dell'OCSE per le imprese multinazionali. Intendiamo il nostro processo di obblighi di diligenza come un processo di miglioramento continuo.

 

Scopri di più sul nostro sito web CR internazionale per saperne di più su come lavoriamo per il rispetto dei diritti umani a livello globale.

Per adempiere ai nostri obblighi di diligenza nei confronti dei nostri collaboratori, partner commerciali e di tutte le persone lungo le nostre catene di fornitura, noi, come parte del Gruppo ALDI SÜD, insieme ad ALDI Nord, abbiamo adottato la Human Rights and Environmental Due Diligence Policy pubblicata.

Il 20 novembre 2019 il Gruppo ALDI SÜD ha pubblicato anche la «Linea guida ALDI sul trattamento del lavoro minorile» è stata pubblicata. Questa spiega come noi, in qualità di gruppo di aziende, contribuiamo alla prevenzione, all'identificazione e al rimedio del lavoro minorile lungo le nostre catene di fornitura. La Linea guida stabilisce ciò che ALDI si aspetta dai propri partner commerciali per garantire che il lavoro minorile non si verifichi negli impianti di produzione dei nostri prodotti. Il documento descrive poi il processo che ALDI intraprende, insieme alle organizzazioni di settore locali e ai nostri partner commerciali, quando viene scoperto un bambino in uno stabilimento di produzione.

Inoltre, nel febbraio 2021 abbiamo pubblicato la «Linea guida internazionale sul trattamento del lavoro forzato». Il documento estende il nostro attuale impegno a rispettare i diritti umani e sottolinea il principio di non tollerare alcuna forma di servitù o schiavitù, lavoro forzato o obbligatorio, asservimento, traffico di esseri umani o lavoro non volontario lungo le nostre catene di fornitura.

Nel maggio 2021, il Gruppo ALDI SÜD ha pubblicato il «Documento di posizione internazionale sui salari e i redditi di sussistenza». In esso sosteniamo che chiunque ha diritto a un tenore di vita adeguato e ci impegniamo ad adottare misure per ottenere salari e redditi di sussistenza nelle nostre catene di fornitura.

Nel novembre 2021, i gruppi ALDI SÜD e ALDI Nord hanno pubblicato la «Linea guida internazionale sulla parità di genere lungo le catene di fornitura ALDI». In esso spieghiamo la nostra concezione di uguaglianza e definiamo le misure per ridurre la discriminazione e promuovere l’uguaglianza nelle nostre catene di fornitura e nella nostra azienda.

Inoltre, già da anni i nostri Principi CR internazionali vincolanti e gli ALDI Business Partner Sustainability Standards (BPSS) servono a noi e ai nostri partner commerciali come solide linee guida per l’implementazione di una catena di fornitura sostenibile. A dicembre 2023 sono stati attualizzati i BPSS. Tra le altre cose, definiscono le nostre aspettative in merito alle condizioni sociali di vita e di lavoro e al rispetto dei diritti umani nei processi di produzione dei nostri prodotti. I requisiti ivi stabiliti vanno trasmessi anche a tutti i partner commerciali indiretti. Gli "Standard di sostenibilità dei partner commerciali ALDI" si basano sul nostro impegno a rispettare i diritti umani e l'ambiente.

Le nostre direttive e misure aziendali interne sono state messe a punto in base alle norme seguenti:

  • Dichiarazione universale dei diritti umani delle Nazioni Unite
  • Convenzione internazionale sui diritti civili e politici
  • Convenzione internazionale sui diritti economici, sociali e culturali
  • Convenzione sui diritti dell’infanzia delle Nazioni Unite
  • Convenzione sull'eliminazione di ogni forma di discriminazione della donna delle Nazioni Unite
  • Norme fondamentali sul lavoro ILO
  • Principi guida su imprese e diritti umani delle Nazioni Unite (UNGP)
  • Linee guida OCSE destinate alle imprese multinazionali

Siamo consapevoli che la produzione di beni lungo catene di fornitura complesse può avere impatti negativi sui diritti umani. Nell’ambito del nostro impegno nei confronti dei Principi Guida delle Nazioni Unite su Imprese e Diritti Umani (UNGP), adempiamo all'obbligo di diligenza per adottare misure volte a mitigare gli impatti negativi sui diritti umani nelle nostre catene di fornitura. Per questo motivo indaghiamo costantemente i rischi legati ai diritti umani. Lo facciamo, tra l’altro, attraverso la ricerca continua e l’analisi degli hotspot. Inoltre, richiediamo valutazioni di esperti esterni, ad esempio attraverso indagini complete sugli stakeholder.

Nel settore non alimentare, ci procuriamo regolarmente un quadro delle condizioni di lavoro negli impianti di produzione dei Paesi a rischio. Ciò avviene con l’ausilio di audit e certificazioni, condotti da fornitori di servizi esterni, e con le valutazioni dei nostri siti produttivi, i cosiddetti ALDI Sustainability Assessments (ASA), che i nostri collaboratori specializzati effettuano in loco in dialogo diretto con i fornitori. Inoltre, noi stessi ci rechiamo nei Paesi di produzione e di origine delle merci. Sul campo, ci impegniamo a dialogare con gli stakeholder e con le persone potenzialmente interessate per identificare meglio e prevenire le violazioni dei diritti umani.

In qualità di dettaglianti di generi alimentari, poniamo particolare attenzione all’identificazione dei rischi per i diritti umani lungo le nostre catene di fornitura. Per questo motivo, stiamo aumentando il numero di audit sociali per articoli food che svolgiamo autonomamente e con l'aiuto di società esterne. Con un fornitore di servizi indipendente specializzato in sostenibilità, ora abbiamo potuto fare luce anche sui rischi per i diritti umani nelle nostre catene di fornitura alimentare. L’obiettivo di questa analisi è stato quello di identificare per l’intero gruppo aziendale i rischi per i diritti umani all'interno della nostra catena di fornitura globale e, allo stesso tempo, di riconoscere dove possiamo avere maggiore impatto. In ambito dell’indagine è stata esaminata l’intera catena di fornitura, con particolare attenzione ai livelli di produzione delle materie prime e di finitura.

L’indagine si è basata su dati interni, quali i volumi di acquisto e ubicazione dei produttori e dei siti di produzione, nonché sui dati commerciali globali del settore. Inoltre, sono stati inclusi numerosi indici e valutazioni riconosciuti come il Global Slavery Index, l’Environmental Performance Index o il Corruption Perceptions Index di Transparency International.

Nel corso dell’analisi dei rischi per i diritti umani, sono stati identificati i rischi sociali e ambientali per i diritti umani lungo le catene di fornitura. È stata effettuata una valutazione complessiva dei rischi per ogni Paese di produzione o di origine dei nostri prodotti. Anche i rischi ambientali, come la vulnerabilità climatica, la scarsità d'acqua e l'inquinamento industriale, hanno fatto parte dell'analisi, in quanto possono avere un impatto indiretto sui diritti umani.

Nell'analisi sono stati considerati gli otto indicatori seguenti:

Rischi sociali

Diritti dei collaboratori: Rischio di violazione dei diritti dei lavoratori, ad esempio per il superamento dell'orario di lavoro consentito, per i bassi salari, per i rischi legati a salute e sicurezza, per il mobbing, le molestie e gli abusi, per la discriminazione o per le restrizioni alla libertà di riunione

Discriminazione di genere: Valuta l'ineguaglianza o la disparità di trattamento tra uomini e donne e il rischio di possibili discriminazioni di genere, ad esempio attraverso abusi basati sul genere o discriminazioni basate sul genere in termini di retribuzione e condizioni di lavoro

Lavoro minorile: Rischio che i bambini svolgano lavori che hanno un impatto negativo sulla loro salute e sul loro sviluppo o l’impiego di bambini in età scolare

Lavoro forzato: Forme di schiavitù moderna e di traffico di esseri umani, ad esempio attraverso pressioni, trattenimento del salario o altre forme di coercizione

Rischi ambientali

Scarsità d'acqua: La richiesta d’acqua supera la disponibilità di un Paese. A ciò si aggiunge un accesso limitato all’approvvigionamento idrico, sia per uso personale che come fonte di reddito

Vulnerabilità climatica: Valuta il rischio attuale e futuro di esposizione di un Paese a eventi meteorologici estremi. Allo stesso tempo, è stata valutata la disponibilità del settore pubblico e privato a investire in misure di adattamento (ad esempio, in caso di siccità, inondazioni o uragani)

Deforestazione/conversione del territorio: La probabilità che i prodotti provengano da terreni recentemente convertiti da foreste con un alto valore di conservazione. In questo modo si distruggono le aree forestali e si violano i diritti fondiari

Inquinamento industriale: Inquinamento industriale derivante dalla fabbricazione dei prodotti, con conseguente inquinamento di aria e acqua, rifiuti chimici e inquinamento acustico.

Risultati delle analisi delle materie prime

Bild

 

Risultati delle analisi dei siti di produzione

Bild

 

Definizione delle priorità

In base alla nostra analisi, abbiamo identificato i seguenti rischi come i più gravi:

Lavoro minorile Ci impegniamo a contribuire alla prevenzione, all’identificazione e all’eliminazione del lavoro minorile. Non tolleriamo il lavoro minorile in nessun aspetto della nostra attività, comprese le nostre catene di fornitura.

Salari e redditi di sussistenza: facciamo la nostra parte per garantire un tenore di vita dignitoso alle persone lungo le nostre filiere alimentari e non. Il pagamento di salari e redditi di sussistenza è una parte essenziale di questo impegno.

Lavoro forzato: Abbiamo tolleranza zero per il lavoro forzato e la schiavitù moderna. Qualsiasi forma di servitù o schiavitù, lavoro forzato, servitù per debiti, traffico di esseri umani o lavoro non volontario è inaccettabile in tutta la nostra catena di fornitura.

Uguaglianza di genere e discriminazione: Siamo convinti che tutti i lavoratori debbano essere trattati in modo equo. Non tolleriamo alcuna forma di discriminazione e ci impegniamo a raggiungere la parità di genere nelle nostre attività e nelle nostre catene di fornitura.

Consideriamo l'analisi dei rischi come un ulteriore punto di partenza per identificare i potenziali rischi significativi per i diritti umani lungo le nostre catene di fornitura e per stabilire le relative priorità nel nostro ulteriore lavoro.

Ci concentreremo quindi in particolare sui prodotti a rischio come caffè, cacao, frutta a guscio e frutta tropicale nei Paesi di origine individuati dall’analisi. Nel settore della frutta tropicale, ci concentriamo principalmente sulle banane. Svilupperemo quindi misure mirate nell’ambito di una strategia internazionale di approvvigionamento responsabile. In futuro, oltre alle nostre attuali attività di prevenzione dei rischi legati ai diritti umani, ci impegneremo ancora di più in aree particolarmente a rischio.

Abbiamo già messo in atto una serie di misure differenti per ridurre i rischi legati ai diritti umani nelle nostre catene di fornitura alimentare e non:

·       Conducendo visite in loco per specifici gruppi di prodotti ad alto rischio attraverso le nostre ALDI Sustainability Assessments (ASAs) e le ALDI Producer Assessments (APA)

  • Integrazione di prodotti ad alta priorità nel nostro Social Monitoring Programm (SMP)
  • Formazione dei collaboratori e dei partner commerciali
  • Sviluppo dei Corrective Action Plans (CAP) e, se necessario, esclusione di partner commerciali o produttori come ultima risorsa
  • Il Corporate Responsibility Supplier Assessment valuta i sistemi di gestione dei nostri partner commerciali per quanto riguarda la conformità con gli standard sociali e ambientali, nonché la performance CR dei loro siti produttivi
  • Considerare i sistemi di auditing e di certificazione quando si prendono decisioni di acquisto e si definiscono gli obiettivi
  • Adattare i nostri processi di acquisto per tenere conto degli impatti negativi sui diritti umani già nel processo di gara d'appalto
  • Sviluppare obiettivi e KPI insieme al nostro reparto acquisti per monitorare i progressi e identificare ulteriori azioni
  • Realizzazione di progetti nei Paesi di origine
  • Migliorare la tracciabilità e la mappatura della catena di approvvigionamento

Human Rights Impact Assessments

Lavoriamo per identificare l'impatto sui diritti umani delle nostre attività commerciali. ALDI si impegna a condurre valutazioni dettagliate dell'impatto sui diritti umani (Human Rights Impact Assessments - HRIAs) seguendo un approccio metodologico rigoroso, che comprende un'ampia ricerca di base e il coinvolgimento delle parti interessate. Attraverso queste ricerche, proviamo a identificare, comprendere e valutare gli impatti negativi potenziali ed effettivi delle nostre operazioni sui lavoratori e su altri stakeholder, come i membri delle comunità, i piccoli proprietari e le donne contadine. Abbiamo pubblicato i risultati di tre HRIA per alcuni prodotti di base ad alta priorità: Avocado, noci del Brasile e caffè.

Leggi qui per saperne di più sulle nostre valutazioni d'impatto sui diritti umani

Approcci beyond audit

Consideriamo gli audit sociali di terzi un primo passo importante per raccogliere informazioni sulla situazione dei diritti umani nei nostri siti di produzione e avviare miglioramenti. Tuttavia, siamo anche consapevoli del fatto che non sempre forniscono un quadro veritiero delle condizioni di lavoro e potrebbero non identificare problemi nascosti come il lavoro forzato, la discriminazione o le molestie.

Ci impegniamo ad adottare un approccio al commercio etico che vada oltre la conformità e che non si basi esclusivamente sugli audit sociali. Integriamo il nostro approccio all’audit con attività aggiuntive, come le nostre visite in loco, la comunicazione e la formazione dei partner commerciali, dei siti di produzione e dei produttori, la partecipazione a iniziative multi-stakeholder, il rafforzamento delle capacità e i progetti in loco.

Coinvolgimento degli stakeholder

Abbiamo stabilito un’ampia gamma di partnership con organizzazioni quali fornitori, produttori, rivenditori, governi e organizzazioni non governative. Siamo convinti che un approccio cooperativo sia il modo migliore per garantire il rispetto dei diritti umani. Per questo motivo cerchiamo il dialogo con i portatori di diritti e doveri attraverso le nostre principali partnership e appartenenze.

Salari e redditi di sussistenza

ALDI ritiene che tutti abbiano diritto a un tenore di vita adeguato. Nelle catene di fornitura globali, i salari e i redditi bassi spesso si verificano contemporaneamente ad altre questioni legate ai diritti umani, come la discriminazione, la disuguaglianza di genere, gli straordinari eccessivi, il lavoro minorile o il lavoro forzato. Per questo motivo ci impegniamo a creare un cambiamento duraturo nelle catene di fornitura globali e vogliamo fare la nostra parte per garantire un tenore di vita dignitoso ai lavoratori, agli agricoltori e alle loro famiglie. Nel maggio 2021 abbiamo pubblicato la «Presa di posizione internazionale sui salari e i redditi di sussistenza»impegnandoci ad adottare misure per la promozione di salari e redditi vivi.

Inoltre, abbiamo aderito al gruppo «Living Incomes und Living Wages» e a gennaio 2020 abbiamo firmato una dichiarazione d’intenti con altri commercianti. In questo modo, ci impegniamo a migliorare le condizioni di vita delle persone lungo le catene di fornitura globali entro il 2030. L’obiettivo: I lavoratori delle filiere agricole globali devono ricevere redditi e salari di sussistenza.

I membri si impegnano attivamente sul campo per rafforzare le rappresentanze dei lavoratori. Inoltre, devono essere istituiti sistemi di monitoraggio per controllare gli sviluppi dei salari. In un primo progetto congiunto nel settore delle banane in Ecuador, è stato presentato un rapporto sull’analisi dei salari di sussistenza per i lavoratori. Ulteriori informazioni al riguardo sono disponibili qui.

Per essere in grado d’identificare tempestivamente gli effetti negativi, ALDI SUISSE mantiene una cultura aperta nei confronti di chi comunica un problema. Per i collaboratori di ALDI SUISSE e per i terzi esterni (ad es. partner commerciali, fornitori e loro dipendenti, ecc.) abbiamo creato la possibilità di informarci su eventuali reclami attraverso diversi punti di contatto: Questo può essere fatto, ad esempio, attraverso la nostra consulenza giuridica.

Trovi maggiori informazioni e il nostro meccanismo di reclamo qui.

Per noi è una sfida implementare il nostro meccanismo di reclamo nei singoli Paesi di produzione. Le catene di creazione del valore sono solitamente composte da vari livelli e complesse. Tuttavia, raccogliamo questa sfida e svilupperemo concetti che migliorino l'accesso ai meccanismi di reclamo nelle catene di fornitura rilevanti. Inoltre, collaboriamo con altre parti interessate per stabilire meccanismi di reclamo, ad esempio attraverso la nostra adesione al BSCI Amfori e la nostra partnership strategica con l'Issara Institute.

Inoltre, gli standard di certificazione che utilizziamo, come Fairtrade, UTZ o Rainforest Alliance, verificano l'esistenza di meccanismi di reclamo per i lavoratori.

Forniamo regolarmente informazioni sul nostro impegno sociale lungo la catena di fornitura in pubblicazioni come il rapporto internazionale di sostenibilità, le nostre brochure CR o il sito web aziendale.

La comunicazione trasparente è molto importante per noi ed è una componente fondamentale degli obblighi di diligenza in materia di diritti umani. Per questo motivo, in futuro intendiamo comunicare in modo ancora più completo le nostre opinioni e azioni relative al rispetto dei diritti umani e in particolare al lavoro minorile.

Nel Rapporto annuale sullo stato di avanzamento al Global Compact delle Nazioni Unite (UNGC), forniamo informazioni sui progressi positivi compiuti come parte del Gruppo ALDI SÜD nell'adempimento dei dieci principi UNGC.

Siamo consapevoli che l'attuazione degli obblighi di diligenza sui diritti umani è un processo continuo. Per questo motivo rivediamo costantemente le nostre misure e i nostri processi e cerchiamo di ottimizzarli ulteriormente.

Per affrontare con successo le sfide sistematiche delle catene di fornitura complesse, vogliamo fare un ulteriore passo avanti. Il nostro impegno di lunga data e la collaborazione con diversi stakeholder ci hanno fatto capire che le condizioni di lavoro all'interno delle catene di fornitura possono essere migliorate al meglio attraverso iniziative congiunte e partnership.

Sosteniamo quindi soluzioni sostenibili che richiedono la cooperazione di tutti gli attori politici, economici e sociali interessati. Sosteniamo un quadro giuridico che sia uniforme almeno in tutta Europa per un’attuazione chiaramente definita, praticabile e a lungo termine degli obblighi di diligenza in materia di diritti umani. Una legislazione adeguata può creare condizioni di parità, armonizzare i diversi standard nazionali e garantire l’applicazione del diritto.

Per questo motivo, il Gruppo ALDI SÜD, che comprende anche ALDI SUISSE, insieme ad ALDI Nord e ad altre 24 aziende, ha firmato la dichiarazione del Business & Human Rights Resource Centre, che sostiene le iniziative legislative sui diritti umani e obblighi di diligenza per la tutela ambientale a livello europeo. Puoi trovare la spiegazione qui.

Siamo già coinvolti in iniziative specifiche per le materie prime con vari stakeholder, come ad esempio:

  • Swiss Platform for Sustainable Cocoa
  • Global Coffee Platform
  • Fruit Juice CSR Platform
  • World Banana Forum
  • Partnership for sustainable textiles
  • Bangladesh Accord on Fire and Building Safety
  • Pakistan Accord on Health & Safety in the Textile & Garment Industry